Archivi tag: Analfabetismo

Analfabetismo di ritorno

Maurizio Ferraris ha ragione: stiamo assistendo a una esplosione della scrittura.
Il telefono, strumento di comunicazione orale, è diventato telefonino, ossia una macchina da scrivere. I giornali tradizionali, se spariranno, non sarà a causa della televisione, ma di internet e della cosiddetta Free Press, i giornali leggeri e gratuiti da leggere in metropolitana, cioè da altra scrittura. Internet è piena di scrittura, di testi scritti, di archivi; persino i filmati e le musiche sono circondati da testi.
Tutti scrivono. Tutti sono scrittori

Il problema è trovare i lettori. Continua la lettura di Analfabetismo di ritorno

Alfabeti e analfabeti

Come siano andate di preciso le cose, nessuno lo sa. Sta di fatto che ad un certo punto, l’uomo iniziò a parlare, ad emettere suoni articolati che altri uomini, udendoli, possono comprendere. L’uomo iniziò anche a tracciare dei segni grafici che altri uomini, vedendoli, possono comprendere: un segno per uomo, uno per casa e così via.
Infine, molto tempo dopo, l’uomo associò i suoni ai segni grafici: per scrivere casa non si deve più tracciare un simbolo che significa casa, ma un insieme di segni che stanno per il suono delle parola pronunciata. Se prima ad ogni segno corrispondeva un concetto, adesso vi corrisponde un suono.
Due recenti campagne pubblicitarie mostrano i limiti di quella straordinaria invenzione che è l’alfabeto. Continua la lettura di Alfabeti e analfabeti

L’immagine e la parola

Piccola città di provincia, non dirò quale in nome dell’omertà e del quieto vivere, con l’immancabile cinema multisala di provincia e, soprattutto, l’immancabile volantino, che prende il nome di flyer si suppone per differenziarsi dal vicino supermercato.
Il volantino, e scusate se mi ostino a scrivere in italiano, pubblicizza i film estivi e le immancabili anteprime. Vediamo con quali parole. Continua la lettura di L’immagine e la parola