L’immagine e la parola

closeQuesto articolo è stato pubblicato 10 anni 9 mesi 29 giorni fa. Nel frattempo potrei avere cambiato idea. Anzi, quasi sicuramente è accaduto così: tienine conto se pensi di commentare quanto ho scritto.

Piccola città di provincia, non dirò quale in nome dell’omertà e del quieto vivere, con l’immancabile cinema multisala di provincia e, soprattutto, l’immancabile volantino, che prende il nome di flyer si suppone per differenziarsi dal vicino supermercato.
Il volantino, e scusate se mi ostino a scrivere in italiano, pubblicizza i film estivi e le immancabili anteprime. Vediamo con quali parole.

The Fast and the Furious: Tokyo Drift
Il pilota Shaun Boswell per sfuggire alla galera si rifugia a Tokyo presso uno zio militare. Una volta in Giappone però finisce per invischiarsi in un pericoloso giro di fare di velocità gestito dalla Yakuza…

Trentacinque parole e neanche una virgola: notevole.

Silent Hill
Rose, é la madre di una ragazza che sta per morire a causa di una terribile malattia. Disperata e decisa a far di tutto per salvare la figlia, Rose, fugge contro il volere del marito, alla ricerca di un guaritore, ma, durante il tragitto, arriva in una tetra cittadina, chiamata Silent Hill, abitata da strane creature.

Qui, ed è un miglioramento, c’è qualche virgola in più, ma sono distribuite nel testo così, tanto per gradire. Da evidenziare anche l’utilizzo dell’accento acuto per la terza persona singolare del verbo essere.

Vita smeralda
Arrivate in Sardegna con un gruppo di amici per trascorrere le vacanze in campeggio, tre amiche stufe del solito tram tram, decidono di trascorrere l’ultima parte delle loro vacanze a Porto Cervo, il regno del lusso e delle avventure estive.

Povere ragazze: stufe dei soliti mezzi pubblici cittadini, decidono giustamente di andare a Porto Cervo, dove difficilmente troveranno un tram.

Lascia un commento