Si vede che sono uno scientista

closeQuesto articolo è stato pubblicato 6 anni 3 mesi 24 giorni fa. Nel frattempo potrei avere cambiato idea. Anzi, quasi sicuramente è accaduto così: tienine conto se pensi di commentare quanto ho scritto.

Non ho visto la trasmissione televisiva che ha fatto esclamare a Giorgio Israel, in un surreale articolo pubblicato credo dal Foglio, di aver sentito «emergere un potente rigurgito di scientismo». Non ho visto questa trasmissione quindi non so se a parlare vi fossero rispettabili uomini di scienza, ingenui non esperti o ciarlatani pseudoesperti – e a dirla tutta, non sono neppure sicuro di saper correttamente distinguere tra questi tre casi.
Non ho visto la trasmissione, quindi non so bene che cosa sia quel «mai sopito sentimento di fiducia nei confronti dell'”oggettività scientifica”» e non capisco neppure perché quelle virgolette.
Ma la parte che proprio non ho capito – non se se perché non ho visto la trasmissione, e a questo punto mi chiedo perché invece Giorgio Israel l’ha vista invece di andare a dormire o a leggersi un buon libro –, la parte che proprio non ho capito è quella sugli psicologi. Voglio dire, è scientismo pensare che una persona che ha perso la propria casa, il proprio lavoro, forse anche qualche amico o parente, abbia bisogno di un sostegno psicologico?
Israel poi tira fuori gli psicologi aziendali, quelli scolastici, i periti dei tribunali e altre figure che lascio al lettore il piacere di scoprire. Che cosa c’entrano gli psicologi scolastici che si occupano di disturbi dell’apprendimento con quelli che aiutano quelli a cui, letteralmente,1 è crollato tutto addosso?

  1. Che bello, ho usato letteralmente in senso letterale e non metaforico! []

3 pensieri su “Si vede che sono uno scientista

  1. Anch’io ho trovato l’articolo di difficile comprensione, specialmente perché non ho capito se il rigurgito di scientismo l’avesse sentito emergere dentro alla trasmissione, o dentro di sé mentre guardava la trasmissione. È chiaro però che non ce l’avesse con gli psicologi in quanto tali, quanto con una certa idea di psicologia come “fabbrica di cittadini ben funzionanti”, alla quale in qualche modo stiamo consegnando le funzioni che più propriamente dovrebbero essere dei genitori, degli insegnanti e degli adulti in generale. Ce l’aveva anche con l’idea che l’intervento di uno psicologo possa essere reso obbligatorio per legge: su questo mi permetto di supporre che un amante della libertà come te non abbia nulla da eccepire.

  2. @Galliolus: A me non pare chiaro che Isarel non ce l’avesse con gli psicologi in quanto tali. Meglio: è chiaro interpretando caritatevolmente il suo testo, leggendolo come il testo di uno che sbotta a sproposito per vecchi rancori. Ed è un peccato.
    Sull’obbligatorietà del sostegno psicologico: quale è la sanzione? Perché se è un obbligo senza sanzione, ho ben poco da eccepire…

Lascia un commento