L’altro nome dell’illusione

closeQuesto articolo è stato pubblicato 7 anni 9 mesi 8 giorni fa. Nel frattempo potrei avere cambiato idea. Anzi, quasi sicuramente è accaduto così: tienine conto se pensi di commentare quanto ho scritto.

Sono  molto tentato di andarci. Qualcuno mi vuole fare compagnia?Conferenza creazionista 1
Conferenza creazionista 2
Da notare il collegamento in diretta con il famoso (famigerato?) Harun Yahya e gli interessanti temi che verranno affrontati: ingannevoli interpretazioni dei fossili; l’evoluzione di fronte al vicolo cieco della molecola; la termodinamica confuta l’evoluzione, la teoria dell’evoluzione: una predisposizione al materialismo.
Tra l’altro: qualcuno sa cosa sia il vicolo cieco della molecola?

10 pensieri su “L’altro nome dell’illusione

  1. la termodinamica confuta l’evoluzione

    Rieccoci…una bufala ricorrente. La distinzione fra sistemi chiusi e aperti è decisamente troppo complicata per queste menti eccelse.

    Mettiamola così: se la termodinamica confuta l’evoluzione, confuta anche la digestione. Invito quindi Harun a un sano digiuno perpetuo, per liberarsi dalle catene dell’illusione. 😉

    qualcuno sa cosa sia il vicolo cieco della molecola?

    Suppongo si tratti della relazione fra proteine e DNA, dato che i creazionisti americani sostengono da anni (sbagliando) che è impossibile passare dal codice genetico alle proteine, e Harun non è certo un campione di originalità.

    Potrebbe anche essere la questione del legame peptidico, che forma le proteine “unendo” gli amminoacidi: quando due amminoacidi reagiscono eliminano una molecola d’acqua.

    I creazionisti sostengono che questa reazione non poteva avvenire in un ambiente saturo d’acqua come gli oceani primitivi in cui (secondo alcune ricostruzioni) si sarebbero sviluppate le prime molecole organiche.

    Inutile ricordare che non è detto che le prime molecole autoriproducentesi si trovassero negli oceani (si pensa a delle pozzanghere,con alta concentrazione di materiale organico e preorganico).

    C’è da aggiungere che questa non sarebbe un’obiezione alla teoria dell’evoluzione, ma all’abiogenesi. Evidentemente per Harun tutto fa brodo.

    Anche le foto di esche di plastica spacciate per fossili “antichissimi” e uguali a specie di insetti moderni (leggete il blog di Paolo Attivissimo e fatevi quattro risate)…

  2. Cioè questi sarebbero idealisti? Nel 2010? Ma dai…
    Ti farei anche compagnia, ma sono troppo incazzato con il nano e il “comunista” presidente delle repubblica per ingoiarmi altro fegato coi creazionisti.

  3. Io ho il privilegio di avere il libro a casa…
    Vuoi sapere cosa ti perdi?
    Un sacco di immagini National Geographic e di fossili, accoppiate insieme per dimostrarti che i fossili non hanno poi tutta st’età.

  4. @il più Cattivo: Io, se ci vado, avrò la spilletta del Darwin fish con me. Forse meglio i guantoni 😉

    @Kirbmarc: Grazie: vedo che sei molto aggiornato sugli “argomenti” dei creazionisti!

    @Marco Ferrari: Peccato: speravo nella compagnia di un esperto…

    @capemaster: Io ho solo il Tao della biologia di Sermonti… 🙁

  5. @spaghettovolante: Il problema è che Harun, se ho capito bene, si è fatto un po’ di carcere, mentre il nostro creazionista no!
    Poi dicono dell’Islam fermo al 1600…

Lascia un commento