Implicazioni materiali

closeQuesto articolo è stato pubblicato 10 anni 21 giorni fa. Nel frattempo potrei avere cambiato idea. Anzi, quasi sicuramente è accaduto così: tienine conto se pensi di commentare quanto ho scritto.

Grazie al Brain Hammer ho trovato un interessante articolo di Matthew C. Clarke sulle diverse tecniche per spiegare l’implicazione materiale: A Comparison of Techniques for Introducing Material Implication.
L’implicazione materiale è evidentemente un concetto ostico, se vi sono almeno sette modi diversi di spiegarlo agli studenti.

Logic Lane, OxfordNel caso dell’implicazione formale, l’affermazione «se A allora B» è falsa soltanto se A è vera e B è falsa, mentre è vera in tutti gli altri casi. L’affermazione «se c’è il sole andiamo al parco» è falsa unicamente nel caso ci sia il sole e non si va al parco.
Il problema è che anche le affermazioni «se 2+2=5 allora io sono il Papa» o «se fossi nato trecento anni fa sarei in grado di volare» sono vere: secondo l’implicazione formale da un antecedente falso si può dedurre qualsiasi cosa.
È abbastanza ovvio che, di fronte a un simile paradosso, uno studente di logica si ritrovi quantomeno spaesato.

Di fronte ad altri esempi, è facile prevedere che voglia abbandonare il corso di logica per dedicarsi al giardinaggio: «se sono in Belgio allora è vero che se sono a Parigi sono in Belgio» è, secondo la logica (e quindi secondo i logici), una affermazione corretta!Una strategia per non ritrovarsi l’aula deserta è introdurre l’implicazione materiale nei termini di un contratto.
Un contratto che recita «Se accade A allora sei tenuto a fare B» viene violato unicamente se accade A ma io non faccio B, e se A è qualcosa di impossibile, il contratto non verrà mai violato, per quanto assurdo o impossibile possa essere B: «se un matematico dimostrerà che 2+2=5 allora la società “Logic Inc.” ti nominerà Papa» e «se sei nato trecento anni la società “Logic Inc.” ti insegnerà a volare come un uccello» sono contratti inviolabili.Questi esempi dovrebbero mostrare la sensatezza dell’implicazione materiale. A me sembrano mostrare la insensatezza dei contratti. Forse dovevo dedicarmi al giardinaggio.

Foto di semiotheque

5 pensieri su “Implicazioni materiali

  1. Una volta, per curiosità, lessi quella di Mac OS X, credo della versione 10.3, scoprendo che non è possibile usare il sistema operativo della mela in una centrale nucleare (poco male) e che Apple può in ogni momento impedirmi l’utilizzo, trasformando il mio iMac in un fermacarte molto grosso e molto costoso.

    In onestà, devo comunque rispondere di no: non ho mai letto un End User License Agreement per quello che in realtà è: un contratto.

  2. perchè tante chiacchere,che confondono, e non dire che ci limitiamo alla struttura della implicazione e non al significato?

Lascia un commento