Segregati

closeQuesto articolo è stato pubblicato 5 anni 1 mese 21 giorni fa. Nel frattempo potrei avere cambiato idea. Anzi, quasi sicuramente è accaduto così: tienine conto se pensi di commentare quanto ho scritto.

Su Wired trovo una suggestiva immagine della segregazione razziale negli Stati Uniti:1

nycnolabel
New York

Ancora più impressionante la situazione a Detroit:

Detroit
Detroit

La segregazione razziale sembra in realtà essere in calo e, come conclude una ricerca citata sempre da Wired, “all-white neighborhoods are effectively extinct”, non esistono più quartieri di soli bianchi.

Wired non cita i lavori dell’economista Thomas Schelling, ed è un peccato.
Negli anni Sessanta, Schelling ha mostrato come non è necessario essere dei fottuti razzisti per arrivare alla segregazione: basta molto meno, ossia non voler essere l’unico bianco/afroamericano/asiatico/latino del vicinato.2
Uno potrebbe dire che si tratta comunque di razzismo, per quanto moderato, e avrebbe ragione. Il fatto è che qui non c’è necessariamente di mezzo la supposto supremazia di una razza su un’altra, ma il semplice disagio nell’essere, ad esempio, l’unico tizio del quartiere che festeggia il capodanno (cinese) in primavera febbraio.

La segregazione studiata da Schelling può del resto accadere anche per questioni che nulla hanno a che fare con la razza, come l’orientamento politico, le preferenze musicali eccetera. In un paese di filosofi, analitici e continentali sarebbero probabilmente rigidamente isolati.
Insomma, la segregazione si evita non con la tolleranza, ma con l’indifferenza: non basta tollerare le differenze, occorre proprio non notarle.

  1. Le razze umane non esistono, lo so. Però se molti si comportano come se esistessero, per descrivere il loro comportamento occorre parlare di razze e di persone bianche, afroamericane, asiatiche eccetera. []
  2. Questa è ovviamente una mia interpretazione del lavoro di Schelling. Una bella introduzione al suo lavoro lo si trova su American Scientist. []

6 pensieri su “Segregati

  1. non esisteranno più quartieri “solo di bianchi” ma di fatto non è, almeno non è più, questione “di razza” ma una questione “di status sociale”.
    semplicemente i quartieri son popolati da persone con uno status sociale ed una capacità finanziaria simile.

    PS:
    è impossibile che il capodanno cinese capiti in primavera dato che si considera la seconda luna piena dopo il solstizio d’inverno… pertanto impossibile che capiti in primavera.

  2. PPS: il Calendario persiano cade il primo giorno di primavera

    non son questioni razziali ma culturali

  3. @catta: Evidentemente la ghettizzazione per censo è considerata meno grave di quella per razza.
    In caso di febbraio particolarmente mite, potremmo considerarla primavera…
    non son questioni razziali ma culturali: la razza è questione culturale. Basta vedere la “razza ispanica” negli Stati Uniti…

  4. culturali nel senso di tradizioni legate alla cultura… ad esempio festeggiare il capodanno persiano.

    tralasciamo l’arrampicata (una delle tante) per il capodanno cinese primaverile… ormai non esistono le mezze stagioni eh?
    da un diplomato in giornalismo o cos’è poi mi aspetterei di meglio

Lascia un commento