L’assurda pena

closeQuesto articolo è stato pubblicato 11 anni 9 mesi 7 giorni fa. Nel frattempo potrei avere cambiato idea. Anzi, quasi sicuramente è accaduto così: tienine conto se pensi di commentare quanto ho scritto.

Quando la giustizia suprema non offre che occasioni di vomito all’uomo onesto posto sotto la sua protezione, appare difficile sostenere che essa sia destinata, come dovrebbe essere suo compito, ad accrescere la pace e l’ordine in seno allo Stato.

Albert Camus (trad. it. di Giulio Coppi), Riflessioni sulla pena di morte; Milano, SE, 1993

Lascia un commento