Fallimento universale

closeQuesto articolo è stato pubblicato 11 anni 8 mesi 14 giorni fa. Nel frattempo potrei avere cambiato idea. Anzi, quasi sicuramente è accaduto così: tienine conto se pensi di commentare quanto ho scritto.

Gli universali sono reali, hanno una influenza sul mondo, agiscono su di esso. Il sempre interessante Peirce dimostrava (in Che cos’è il pragmatismo) questo fatto con un semplice esempio: in camera c’è aria viziata e noi, in automatico, senza rifletterci su più di quel tanto, apriamo la finestra. La finestra viene aperta a causa della credenza, che è indubbiamente un universale, che l’aria viziata sia malsana per la salute.

La realtà degli universali non significa però la liceità di ogni generalizzazione. Gli universali nascono in stretto contatto dai particolari, e occorre tornare sempre lì, all’osservazione della realtà.
Non ha senso proporre astratti principi generali, la pretesa di scoprire dietro ogni evento una legge universale è infondata e pericolosa. Pericolosa perché, una volta scoperta, o inventata, la legge, si è tentati di non osservare più.

La legge universale rischia di essere un potente narcotico, ben più pericoloso dell’aria malsana. Urge aprire la finestra.

Lascia un commento