Archivi tag: Sam Harris

Fatti e valori

Sam Harris, durante la conferenza Science can answer moral questions, per rappresentare la contrapposizione tra fatti e valori, utilizza la doppia elica del DNA (per i fatti) e una statua della Madonna (per i valori).

Curiosamente, nessuno può vedere la doppia elica del DNA, almeno non come viene rappresentata sullo schermo, mentre la statua della Madonna è un oggetto che non presenta particolari problemi percettivi.
Eppure non ci sono dubbi che il DNA sia un fatto, e non ci sono dubbi che la statua della Madonna rappresenti (anche) dei valori.

Su Francis Collins

Barack Obama ha nominato Francis Collins direttore dei National Institutes of Health. Collins, medico genetista, è stato in passato direttore dello Human Genome Project.

Questa nomina è stata da più parti criticata e contro Collins hanno scritto, tra gli altri, Sam Harris sul New York Times, PZ Myers su ScienceBlogs e Steven Pinker.
Le accuse sono varie. Le più gravi mi sembrano le seguenti: Collins avrebbe una visione troppo ristretta della ricerca biomedica e, soprattutto, non avrebbe capito l’evoluzione, sostenendo opinioni quantomeno discutibili sul dna spazzatura e l’evoluzione umana. Ma c’è dell’altro.

Alla base di queste incomprensioni vi sarebbero le credenze religiose di Collins e il suo tentativo far convergere scienza e fede, tentativo che va ben oltre il più modesto NOMA (non overlapping magisteriamagisteri non sovrapponibili) di Gould.
Collins, è bene sottolinearlo, non è un creazionista o un sostenitore dell’Intelligent Design. Nel rispondere alla domanda se l’evoluzione è in grado di spiegare la natura umana (una delle Big Questions della John Templeton Foundation), Collins dice chiaramente che le prove a favore della teoria darwiniana sono overwhelming, irresistibili, e mostra un certo scetticismo verso il God of the gaps, il Dio che riempie i punti non troppo chiari delle teorie scientifiche. Certo, la sua risposta è not entirely: secondo lui l’evoluzione non può spiegare completamente la natura umana. Forse si sbaglia, forse è abbagliato dalle sue credenze religiose, ma questa opinione non mi sembra un grave ostacolo per il ruolo che ricoprirà.
Quello che conta, secondo me, è che Collins, di fronte a una qualche minaccia per la salute delle persone, non sia convinto di trovare la soluzione leggendo la Bibbia, come invece ha dichiarato di voler fare un certo ministro per l’economia.

Sant’Antonio alla Sapienza rompi le corna alla miscredenza

Grazie a Alessandro Gilioli scopro questa bellissima trilogia di interventi di quello che dovrebbe essere il direttore di Radio Maria, Don Livio Fanzaga, catturati su YouTube da Razionalismo vs Religione.

Se è un falso, è geniale. Se è vero, è ancora più geniale, e io inizio a temere che Sam Harris abbia ragione. Continua la lettura di Sant’Antonio alla Sapienza rompi le corna alla miscredenza

Dio, Vitiello e i frigoriferi

Maurizio Colucci dedica parte del suo tempo alla nobile opera di diffusione, sul suo Novissimo blog, di alcune opere di Richard Dawkins e Sam Harris dedicate alla religione.
Entrambi gli autori hanno una posizione decisamente critica. Harris, in particolare, si sofferma sui danni e i pericoli della fede, anche quella moderata e laica. (Personalmente, credo che ad essere pericolose siano le persone, non le idee o le fedi).
A Malvino è piaciuto soprattutto un passaggio effettivamente molto interessante, che non si può non citare:

Immaginate che il vostro vicino creda di avere, sepolto nel suo giardino, un diamante grande come un frigorifero. Gli chiedete perché, e lui risponde: «Ma non capisci? Questo diamante dà alla mia vita un enorme significato». Oppure: «La mia famiglia va matta per le riunioni che facciamo in giardino cercando di scavare per tirarlo fuori ogni domenica. E tu ci vuoi togliere questa cosa?». Oppure immaginate che risponda: «Non vorrei vivere in un universo in cui non ci fosse un diamante nel mio giardino grande quanto il mio frigorifero». Per me è chiaro, immediatamente chiaro, che queste risposte sarebbero inadeguate. Profondamente inadeguate. Sono in realtà le risposte di un pazzo. O di un idiota. Eppure, prendete lo stesso identico ragionamento e trasportatelo nel campo della religione, e queste risposte hanno immenso prestigio. Anzi, fino a che non sostieni un qualche ragionamento di questo tipo, è impossibile per te essere eletto in una carica politica nel nostro paese.

Continua la lettura di Dio, Vitiello e i frigoriferi

Etiche esplose

Sam Harris, nel già citato articolo del Boston Globe, introduce il seguente fondamento razionale della moralità:

The truth is that the only rational basis for morality is a concern for the happiness and suffering of other conscious beings. This emphasis on the happiness and suffering of others explains why we don’t have moral obligations toward rocks. It also explains why (generally speaking) people deserve greater moral concern than animals, and why certain animals concern us more than others. If we show more sensitivity to the experience of chimpanzees than to the experience of crickets, we do so because there is a relationship between the size and complexity of a creature’s brain and its experience of the world.

Continua la lettura di Etiche esplose

Il buono, il brutto e il cattivo

Bioetica segnala un interessante articolo di Sam Harris sul Boston Globe: “Do We Really Need Bad Reasons To Be Good?”, “Abbiamo davvero bisogno di cattive ragioni per essere buoni”?

L’autore, laureato in filosofia ed esperto di tradizioni religione occidentali e orientali, si interroga sul legame tra religione e moralità: è davvero necessario credere in Dio per essere buoni?
La risposta è, ovviamente, negativa (sorprende che qualcuno si prenda la briga di scriverlo sui giornali, ma forse in questa sorpresa si pecca di ingenuità). Continua la lettura di Il buono, il brutto e il cattivo