La Monsanto è il male

closeQuesto articolo è stato pubblicato 4 anni 10 mesi 10 giorni fa. Nel frattempo potrei avere cambiato idea. Anzi, quasi sicuramente è accaduto così: tienine conto se pensi di commentare quanto ho scritto.

monsanto-skull-and-bonesUn tizio ha messo su un social network un’immagine divertente che è stata condivisa da diverse persone. La maggior parte dei commenti sul social network, tuttavia, non riguarda l’immagine, ma il mestiere della persona che ha condiviso questa immagine: “ingegnere informatico presso Monsanto Company“:

Monsanto? Lavori alla Monsanto? Che scelta terribile!

Lavori alla Monsanto e lo scrivi pure?

Mi sembra giusto che tu lo sappia: io odio la Monsanto

Non mi interessa difendere la Monsanto – e ho il sospetto che neppure alla Monsanto interessi più di tanto difendere sé stessa: non vendendo direttamente ai consumatori, credo sopporti abbastanza bene la terribile fama che ha –, azienda che indubbiamente ha fatto scelte molto discutibili, a iniziare dalla produzione dell’Agente Arancio per l’esercito americano.
Mi interessa invece l’atteggiamento manicheo di chi,  senza lasciar alcuno spazio per discussioni o distinzioni, considera la Monsanto il male assoluto, male dal quale non può ovviamente arrivare nulla di buono.

A costo di essere anche io un po’ manicheo: da questo atteggiamento difficilmente può arrivare qualcosa di buono.

Lascia un commento