Il nome della libertà

closeQuesto articolo è stato pubblicato 11 anni 2 mesi 7 giorni fa. Nel frattempo potrei avere cambiato idea. Anzi, quasi sicuramente è accaduto così: tienine conto se pensi di commentare quanto ho scritto.

Il passaggio dalle parole alle cose non è mai banale.
Tutto ciò è particolarmente brutto quando le parole sono parole di libertà, mentre i fatti sono il carcere di Evin, dove il filosofo iraniano Ramin Jahanbegloo è ancora imprigionato.

Amnesty, Reset e Pen chiedono la liberazione di Jahanbegloo. Sperando che le parole diventino presto fatti.

Lascia un commento