Archivi tag: Omeopatia

Vivi le energie cristalline di Metatron

L'Arcangelo Metatron
Fiera dedicata alla salute, al benessere e alla medicina naturale.
In programma una quarantina di conferenze e seminari. Questi sono alcuni dei temi di questi incontri:

Vieni a sentire l’energia dell’Arcangelo Metatron nella nostra conferenza: senti, prova e vivi le energie cristalline di Metatron. Metatron e i Maestri Ascesi aprono il Portale dell’Ascensione in te.

Costantemente ri-crearsi e creare significa ringiovanire nella mente e nelle cellule, attraverso il pensiero che si fa progetto concreto.

L’essere umano divino ponte fra il cielo e la terra e il ciclo universale
della nutrizione mente, corpo e anima.

Continua la lettura di Vivi le energie cristalline di Metatron

Riflessioni omeopatiche

Momma

L’omeopatia è un imbroglio?
Da filosofo,1 mi incaponisco sulle domande, le analizzo. Chiedersi se l’omeopatia sia un imbroglio è diverso da chiedersi se i “farmaci” omeopatici siano qualcosa di più di acqua e zucchero che funzionano grazie all’effetto placebo.2

Continua la lettura di Riflessioni omeopatiche

  1. Diciamo, più modestamente, da laureato in filosofia []
  2. L’omeopatia quella vera, basata sulla diluizione ripetuta di un principio attivo che, puro, avrebbe gli stessi effetti del male che si vuole curare. Curiosamente “omeopatia” è diventato termine generico per tutte le cure “naturali”, “alternative” e non previste dalla “medicina tradizionale”. []

Una dose di nulla

Tra poco più di una settimana si terrà,  nel Regno Unito, una singolare protesta contro l’omeopatia: alcune persone (“più di trecento”, dichiarano gli organizzatori) ingurgiteranno una massiccia dose di farmaci omeopatici, dimostrando così la loro inutilità.

Come verifica è perfettamente inutile: l’assenza di effetti collaterali è uno dei cavalli di battaglia dell’omeopatia, e il test dell’overdose non verrebbe superato dalla vitamina C, i cui effetti per prevenire lo scorbuto non sono certo un placebo.
Da un punto di vista retorico e politico la protesta potrebbe funzionare. Ma qui, appunto, si passa dalla scienza alla politica, e si possono muovere molte obiezioni, dal rapporto costi benefici di una simile iniziativa all’atteggiamento paternalistico di chi interferisce, a fin di bene, sulle scelte mediche (o pseudo-mediche) degli altri.

Sul rapporto costi benefici: credo che puntare sulla comprensione del metodo scientifico avrebbe effetti forse meno immediati, ma più duraturi e riguardanti anche altri aspetti delle umane superstizioni, ad esempio gli oroscopi  (la mia, ovviamente, è una opinione da non esperto in strategie di comunicazione).
Sul paternalismo: ammesso che vi sia davvero un atteggiamento paternalista, non mi sembra grave, dal momento che ci si limita a sensibilizzare l’opinione pubblica, non a imporre con divieti il ricorso all’omeopatia.

Verità omeopatiche

Mentre in Europa si discute se inserire il riferimento alle radici cristiane nelle costituzioni e statuti vari, il prossimo 17 maggio in Svizzera si voterà per tutelare a livello costituzionale la medicina complementare (o alternativa). Continua la lettura di Verità omeopatiche

La crisi delle scienze italiane (senza neppure la consolazione della fenomenologia trascendentale)

Nel dicembre del 2006 mi abbonai a Newton.
Tra le riviste di divulgazione scientifica, era la mia preferita e la leggevo sempre con grande piacere. Era una delle poche riviste di divulgazione scientifica che voleva spiegare la scienza, non stupire (o spaventare) le persone con improbabili successi della tecnoscienza.

Qualche mese prima dello scadere dell’abbonamento, la RCS-Periodici ha iniziato a sollecitare, con una certa insistenza, il rinnovo dell’abbonamento. Non che non volessi pagare – semplicemente sono solito aspettare lo scadere dell’abbonamento, quindi dicembre.
Un mese dopo il rinnovo, è uscito il numero di gennaio 2008, l’ultimo numero di Newton. E qui un po’ di commenti sulla serietà della RCS-Periodici si potrebbero fare: davvero l’ufficio abbonamenti non sapeva che la loro rivista avrebbe chiuso i battenti di lì a poco? Continua la lettura di La crisi delle scienze italiane (senza neppure la consolazione della fenomenologia trascendentale)