Revisore dove sei

closeQuesto articolo è stato pubblicato 9 anni 10 mesi 21 giorni fa. Nel frattempo potrei avere cambiato idea. Anzi, quasi sicuramente è accaduto così: tienine conto se pensi di commentare quanto ho scritto.

Tutti possono sbagliare: anche ai migliori può sfuggire un’espressione infelice. Per questo esistono i revisori: persone che leggono il testo e segnalano eventuali problemi.
Purtroppo, nessuno ha segnalato a Fabrizio Mastrofini questo curioso passaggio nel suo Ratzinger per non credenti (Laterza 2007):

Un nome [Benedetto XVI] che ha un doppio significato: si riferisce a san Benedetto patrono d’Europa […] e al predecessore Benedetto XV, il papa della pace e della condanna della prima guerra mondiale. Con il suo battagliero predecessore condivide il desiderio di difendere l’integrità della fede […].
(p. 15)

Per quanto, almeno in tempi recenti, le battaglie dei papa siano esclusivamente spirituali e culturali, io avrei segnalato come inopportuno quel “battagliero predecessore” riferito a quello che nella frase precedente si è definito “papa della pace”. Questione di gusti, indubbiamente.

6 pensieri su “Revisore dove sei

  1. Infatti non è un errore: battagliare si usa, correttamente, anche per le discussioni particolarmente accanite. A me, però, continua a suonare strano “il battagliero papa della pace”… mi ripeto: indubbiamente anche una questione di gusti!

  2. ma non mi riferivo alla grammatica. Senza andare troppo a fondo nei meandri della storia, possiamo dire che personaggi come Gandhi e M. Luther King, che la comunità internazionale condivide come “testimoni” di pace, non furono certo figure poco battagliere

  3. Indubbiamente (e per fortuna) Gandhi e M. L. King furono battaglieri e per la pace, ed è giusto scriverlo.
    La frase di Mastrofini è corretta sotto tutti i punti di vista, però continua a suonarmi male: come un bisticcio semantico invece che sintattico.

Lascia un commento