In tre parole

closeQuesto articolo è stato pubblicato 11 anni 8 mesi 13 giorni fa. Nel frattempo potrei avere cambiato idea. Anzi, quasi sicuramente è accaduto così: tienine conto se pensi di commentare quanto ho scritto.

Il blog1 di edizioni nottetempo ha lanciato, oramai più di un mese fa, il suo piccolo contributo alla campagna elettorale: chiedere ai propri lettori di “definire la sinistra con tre parole o espressioni, cercando di spiegarle con poche righe ciascuna”.

Compito difficile; molto più semplice dire che cosa la sinistra non è. Sicuramente non è e non può essere schematica, e così non può essere di sinistra cercare di riassumersi in tre semplici parole.

D’altra parte è tipico della sinistra il dubbio e l’interrogarsi anche e soprattutto sul suo essere: la domanda è quindi indubbiamente di sinistra.

In conclusione: la domanda è di sinistra, chi risponde probabilmente anche, ma le risposte no.

Complicato? Non può che essere così: per le cose semplici bisogna rivolgersi dall’altra parte.

  1. Non più attivo. Nota aggiunta nel 2012 []

Lascia un commento