Archivi tag: Piergiorgio Welby

Autodeterminazione limitata

La prassi sociale (di cui la medicina è forma eminente di tutela del bene della persona e della comunità) e il diritto – in particolare quello costituzionale – non riconoscono agli atti di lesione o distruzione della propria vita lo statuto di “autodeterminazione” della persona da tutelare e promuovere civilmente e legalmente.

Roberto Colombo, Ma la volontà autolesiva cosa c’entra con il medico?, “Avvenire”, 25 luglio 2007

Penso che Colombo si riferisca alle ultime parole dell’articolo 32 della costituzione:

La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.

Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

Le “disposizioni di legge” possono obbligare una persona a un determinato trattamento sanitario (il TSO, trattamento sanitario obbligatorio, ma anche le vaccinazioni obbligatorie), ma mai senza violare i «i limiti imposti dal rispetto della persona umana».
Per Colombo gli atti di lesione e distruzione della propria vita violerebbero questi limiti, e pertanto è giusto che la comunità (e la Repubblica con apposite leggi) proibisca simili atti. Continua la lettura di Autodeterminazione limitata

Predicava male

Perché a Piergiorgio Welby, morto in seguito al distacco del respiratore artificiale, non sono stati concessi i funerali in chiesa mentre per l’avvocato Corso Bovio, suicidatosi con un colpo di pistola, non ci sono stati simili problemi?

Secondo alcuni, è solo una questione di amicizie. Il cardinale Ersilio Tonini avrebbe però spiegato diversamente la questione:

Approvare i funerali di Piergiorgio Welby sarebbe stato come dire che la Chiesa accetta l’eutanasia di cui Welby stesso era divenuto il simbolo. Per questo non è stato possibile autorizzarne la celebrazione in chiesa, mentre nel caso dell’avvocato Corso Bovio questa implicazione non c’è stata.

Welby è stato punito in quanto simbolo dell’eutanasia. Avesse fatto le cose in silenzio, senza dire nulla o quasi a nessuno, avrebbe avuto la sua bella cerimonia funebre in chiesa.
Forse sono prevenuto, ma mi sembra di capire che, per Ersilio Tonini, i peccati si possono anche fare, basta che non lo si dica in giro, che non se ne discuta troppo.

Probabilmente l’affermazione è stata male riportata, oppure ho capito male io: non posso credere che un cardinale della Chiesa Cattolica sia un simile ipocrita.

Se qualche lettore avesse maggiori informazioni sulle affermazioni di Tonini, è pregato di segnalarlo nei commenti. Eventualmente correggerò l’articolo.
Grazie

Morte opportuna

Piergiorgio Welby è malato di distrofia muscolare.
Negli ultimi mesi, purtroppo, le sue condizioni di vita sono peggiorate:

Fino a due mesi e mezzo fa la mia vita era sì segnata da difficoltà non indifferenti, ma almeno per qualche ora del giorno potevo, con l’ausilio del mio computer, scrivere, leggere, fare delle ricerche, incontrare gli amici su internet. Ora sono come sprofondato in un baratro da dove non trovo uscita.

Così scrive Welby nella lettera al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Il tema della missiva è l’eutanasia, definita non morte buona o dignitosa, come vorrebbe l’etimologia, bensì morte opportuna, perché «dgnitosa, ovvero decorosa, dovrebbe essere la vita».

Non mi piace scrivere del particolare: preferisco riflettere sul generale, dibattere sul significato dei concetti, non sulle vicende delle persone. Nel personale cerco di cogliere l’universale.
Se ho iniziato con Piergiorgio Welby e la sua lettera a Napoliano, è evidentemente per debolezza, e sempre per debolezza espongo qui la mia opinione: Welby deve poter morire, è giusto che possa morire.
Ed è giusto che i discorsi generali ed universali, quelli che mi piacciono tanto, non dimentichino il particolare e il singolare, che poi è la loro origine, e guardino dritto negli occhi le persone come Piergiorgio Welby. Continua la lettura di Morte opportuna