Tu non puoi entrare

Lascio volentieri ad altri, più esperti di me, il compito di valutare il ddl sui Pacs (o Dico, come hanno deciso di chiamarli). Io mi limito a leggere i vari articoli, soffermandomi in particolar modo su due di essi.

ARTICOLO 4 (Assistenza per malattia o ricovero)

1. Le strutture ospedaliere e di assistenza pubbliche e private disciplinano le modalità di esercizio del diritto di accesso del convivente per fini di visita e di assistenza nel caso di malattia o ricovero dell’altro convivente.

ARTICOLO 5 (Decisioni in materia di salute e per il caso di morte)

1. Ciascun convivente può designare l’altro quale suo rappresentante: a) in caso di malattia che comporta incapacità di intendere e volere, al fine di concorrere alle decisioni in materia di salute, nei limiti previsti dalle disposizioni vigenti; b) in caso di morte, per quanto riguarda la donazione di organi, le modalità di trattamento del corpo e le celebrazioni funerarie, nei limiti previsti dalle disposizioni vigenti.

Non sono un esperto, ma questi articoli mi rendono verosimile la seguente situazione.
Immaginiamo Luca e Andrea (non necessariamente due maschi: Andrea magari viene dalla Germania ed è una donna), stabilmente conviventi da una decina d’anni. Andrea è in ospedale, in coma e sta per morire. Luca può decidere quali cure iniziare, può decidere se donare gli organi di Andrea o meno, può decidere il tipo di cerimonia funebre. Ma potrebbe non entrare il ospedale.

Geniale.

2 pensieri su “Tu non puoi entrare

  1. Quelli sono temi legittimi, opinabili e criticabili, ma legittimi: ha un senso che due conviventi debbano aspettare per vedersi riconosciuti alcuni diritti, magari è un errore, ma ha un senso. Invece, che un convivente possa decidere “in materia di salute” ma non possa visitare il partner non ha nenso. Non è un errore, è una cazzata.

Lascia un commento