Colazione con Tiziano Ferro – o della musica che non ti aspetti

Ho fatto colazione al bar, stamattina. Da solo. E ho fatto un’esperienza strana – strana per essere il 2020, ma perfettamente normale qualche anno fa. Ho ascoltato musica che non avevo scelto.

Mentre mangiavo c’era una canzone di Tiziano Ferro – non chiedetemi quale, non lo so: ho solo riconosciuto la voce del cantante. Poi, ahimè a brioche terminata e mentre uscivo, Purple Rain di Prince.
Ma il problema non sono tanto le canzoni, ma proprio il fatto che non le avessi scelte: ascolto raramente la radio, e perlopiù trasmissioni parlate; per la musica ho la mia libreria musicale e anche quando utilizzo servizi di streaming, scelgo sempre cosa ascoltare, per quanto tra un ventaglio di proposte selezionate da un algoritmo o da un curatore umano in base a quelli che potrebbero essere i miei gusti.

Stamattina, niente di tutto questo: mi sono ritrovato lì, con un cappuccino in una mano, una brioche nell’altra e della musica che non avevo assolutamente preventivato nelle orecchie.

Musica “al ribasso”: non per qualità, ma per gradimento: con Tiziano Ferro e Prince si va relativamente sul sicuro.
Musica condivisa, o almeno condivisibile. Non fosse che nel locale c’erano solo io, una barista indaffarata a preparare panini per il pranzo e qualche altro pendolare che andava di fretta.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: